Biography

Bundit Ungrangsee La carriera di Bundit Ungrangsee, nato a Bangkok, sta evolvendo rapidamente grazie agli inviti di orchestre negli Stati Uniti, Cina, Corea, Turchia, Tailandia e Italia. Nel luglio 2004 è stato invitato a sostituire all’ultimo momento il M° Lorin Maazel alla direzione della Filarmonica A.Toscanini in alcuni concerti in Spagna, accompagnando l’orchestra e il solista Maxim Vengerov.

Nel settembre 2002 il M° Ungrangsee ha vinto ex-equo, il primo premio del concorso internazionale Maazel/Vilar, tenutosi al Carnagie Hall di New York. Il premio gli è stato conferito da un illustre giuria composta da Lorin Maazel, Kyung-Wha Chung, Glenn Dicterow e Krzysztof Penderecki, ed è stato riconosciuto come vincitore tra 362 partecipanti al concorso. E’ stato quindi nominato direttore sostituto della New York Philharmonic Orchestra per la stagione 2002-2004.

Nell’aprile 2002 la Arabesque Records ha pubblicato un album di concerti di flauto di Mozart, con la famosa solista Paula Robison e la Charleston Symphony Orchestra. L’album, intitolato « Mozart in love » è stato prodotto da Adam Abeshouse vincitore del Grammy come miglior produttore ed è stato registrato nella Chiesa Presbiteriana di Charleston.

Nel 2004 la Charleston Symphony Orchestra ha nominato Ungrangsee Direttore ospite principale. Precedentemente aveva ricoperto i seguenti incarichi : Direttore associato della Utah Symphony Orchestra, Direttore musicale della Young Musicians Foundation Debut Orchestra di Los Angeles, Direttore principiante della Oregon Symphony con James De Preist e direttore assistente della Santa Rosa Symphony.

Tra gli artisti di fama mondiale con cui ha collaborato si annoverano Maxim Vengerov, Mikhail Pletnev, Julia Migenes, le sorelle Lebeque, Paula Robison, Christopher Parkening, Christine Brewer, Elmer Bernstein, e alcuni membri della Los Angeles Philharmonic Orchestra. Nel settambre 1999 il M°Ungrangsee ha vinto il Concorso internazionale per giovani direttori che si tiene annualmente a Lisbona. Nel 2002 è arrivato quarto tra 37 direttori di 20 nazioni al Concorso Internazionale della Radio-Televisione – Ungherese tenutosi a Budapest.

Il Los Angeles Times ha commentato la direzione del M°Ungrangsee come « calma maestosa e padronanza di sé…., mostra una grande sicurezza sul podio…., la sua lettura si dipana in modo chiaro e calmo, il mosaico narrativo è convincente e tutti i dettagli vengono resi udibili, inclusi i pianissimo” Il The Charleston Post and Courier ha recensito il M°Ungrangsee scrivendo “ sfoggia un gesto sicuro … che conduce ad una gloriosa performance, un modello di energia ritmica, controllo dinamico e precisione , ha reso l’esecuzione entusiasmante ed ha lasciato il pubblico senza fiato. La sua lettura, dall’inizio alla fine, è stata piena di abili segni che rivelano grande attenzione ai dettagli e al fraseggio.”

Nel 1998 ha ricevuto la Borsa di Studio per direttori “Leonard Bernstein” ed è stato invitato ad essere uno dei tre direttori al Tanglewood Music Center, con Jorma Panula e Seiji Ozawa, come suoi mentori. Nello stesso anno ha partecipato, insieme ad altri nove direttori provenienti da tutto il mondo, alla masterclass della Sibelius Academy tenuta da Esa Pekka Salonen, direttore musicale della Los